Dopo un anno e mezzo di pausa forzata siamo tornati con ArtEX> , eventi dedicati ai linguaggi contemporanei dell’Arte.
Un inizio ricco di stimoli e sensazioni con “SUONI DI PAROLE – NoAltRight”
Un progetto di Luigi Morleo per voce, performer, percussioni e supporto digitale.
Un’installazione artistica minimale in cui il compositore insieme ai performer Cam Lecce e Jörg Grünert – Deposito Dei Segni, hanno dato vita ad un’azione performativa tra musica, reading, action painting e video
Grazie per questa esperienza 🙏🏼

Ci vediamo al prossimo appuntamento!

___________

Dopo un anno e mezzo di pausa forzata, riprendono gli eventi ArtEX> presso l’Università Europea del Design di Pescara. ArtEX> si propone di essere un momento di incontro tra Arte e Design, con l’obiettivo di stimolare gli studenti UED, e chiunque fosse interessato, all’esplorazione dei linguaggi contemporanei dell’Arte. La pandemia ci ha costretto ad interrompere gli incontri mensili che, però, riprenderanno il 9 novembre con un importante evento dal titolo: “SUONI DI PAROLE NoAltRight”.

SUONI DI PAROLE NoAltRight è un progetto di Luigi Morleo per voce, performer, percussioni e supporto digitale. Si divide in otto parti che descrivono in chiave estetica ed immaginativa le otto “R” di un futuro sostenibile: Rivalutare, Riconcettualizzare, Ristrutturare, Ridistribuire, Rilocalizzare, Ridurre, Riutilizzare, Riciclare.

La partitura è scritta per percussioni ed elettronica. I brani musicali propongono una traccia mediorientale basata sull’utilizzo della Darbuka e del Tar. La parte elettronica sorregge la ritmicità dei tamburi con inflessioni melodiche ed armoniche tipiche del Medio Oriente creando contrappunto ai testi recitati e al gesto pittorico spontaneo.

L’opera si sviluppa all’interno di una installazione artistica minimale in cui il compositore insieme con i performer danno vita ad una azione performativa tra musica, reading, action painting e video. La musica originale di Morleo abbraccia la recitazione di Cam Lecce e l’action painting di Jörg Grünert in un unico atto performativo tra strumenti a percussioni e suoni elettronici.

La testualità presente nella composizione musicale è liberamente tratta da liriche di poeti contemporanei da Egitto, Libano, Palestina, Siria, Albania, Bosnia Erzegovina, Iraq, Grecia, Turchia e propone tematiche che intrecciano temi dell’amore, della solidarietà, dell’esilio, della resistenza, della lotta all’oppressione per la difesa della propria identità contro la persecuzione, la prigionia, lo sradicamento. L’action painting si realizza in ascolto della temperie emotiva della coralità dei linguaggi artistici in dialogo accolti in un habitat minimale con la presenza di una videoproiezione che scandisce fasi lunari.

Approfondimenti:
Luigi Morleo, docente di Strumenti a Percussione presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari. Parallelamente svolge un’intensa attività solistica, compositiva e direttoriale, invitato a Festival Internazionali in Italia e all’estero. Nella sua ricerca musicale e compositiva le percussioni si confrontano con tutti i suoni del mondo tra strumenti acustici, elettronici e rumori.
Le sue apparizioni spaziano in vari generi e contesti musicali e artistici collaborando con artisti rock, folk-popolare, Jazz, world-music e DJ; nonché attori, registi, pittori, scultori e architetti.
Le sue musiche sono eseguite in Europa, Stati Uniti, Sud America, Africa, Asia e Australia.
Molte sue pubblicazioni sono inserite nei piani di studio dei Conservatori Europei, Università Americane e Sud Africa. Nel 2006 la MorleoEditore ha pubblicato il libro “Il gesto musicale” – origini e culture -, e nel 2016 “Dal segno al gesto percussivo” – una guida estetica -.

Cam Lecce, attrice di teatro, trainer e formatrice di pedagogia teatrale e artistica, Jörg Grünert, artista performer, scultore, drammaturgo fondatori dell’Associazione Deposito Dei Segni Onlus, da sempre impegnati a divulgare il valore sociale del teatro dell’arte e della cultura e i diritti umani, collaborano da lungo tempo con il compositore Luigi Morleo